Qualitá della vita

Che cosa dire… l’eccezionale clima presente nell’isola, basterebbe per descrivere la qualitá della vita. Poi, peró, dobbiamo passare al lato pratico e considerare gli alti standart ai quali siamo abituati in Italia.

Uno dei principali scogli i quali vi troverete a dover superare (specialmente all’inizio della vostra avventura…), sará quello di abituarvi ad alcune difficoltá relative al servizio elettrico. L’energia elettrica, in Repubblica Dominicana, spesso e volentieri viene a mancare. La soluzione per chi non puó farne a meno neanche per un minuto (ed immagino che si tratti della gran maggioranza di coloro che stanno leggendo queste righe…) é un generatore elettrico che funziona a gasolio (raramente a benzina) chiamato “planta electrica”, oppure una serie di batterie che alimentano un’apparecchiatura chiamata “inversor”, le quali si ricaricano nelle ore in cui l’energia elettrica é presente.

Nel primo caso, é consigliabile vivere in luoghi con tale soluzione a portata di mano. Nel secondo caso, ricordate che i chiamati “inversores”, generalmente non riescono a supportare energia a 220 volts, il che significa che rimarreste temporalmente senza aria condizionata.

La stessa cosa vale per l’acqua di casa. Nel momento in qui non c’é corrente elettrica, significa che non c’é maniera per far si che l’acqua venga spinta attraverso i tubi di casa. In quel caso, la maggior parte dei dominicani possiede un amplio contenitore usato come riserva d’acqua sui propri tetti, chiamato “tinaco”.

I ritmi locali sono piú lenti rispetto ai nostri e chi offre beni e servizi ne viene contagiato. Siate dunque preparati nei momenti in cui, specialmente all’inizio, cercherete di richiedere e contrattare alcuni servizi come telefono, televisione via cavo o satellite, ecc.

I servizi pubblici locali non si possono comparare con i nostri. Dovrete dunque affidarvi ad istituzioni private, soprattutto nel campo dell’educazione e della salute.